San Valentino ai tempi dei figli (piccoli)

Le più fortunate sono le mamme di figli piccoli. Quelli della scuola dell’infanzia, per intenderci.

Le altre dovranno accontentarsi di uno sguardo svogliato dei propri ragazzi, che le guarderanno con espressione svanita, come a pensare: “Guarda questa che ancora sta a pensare a San Valentino”, oppure di un veloce bacetto sulla guancia, sempre sperando che nessuno li veda, o ancora di un rapido: “Buon San Valentino, mamma” mentre pensano “E speriamo che sia l’ultima volta che  questa mi svegli con i cioccolatini a forma di cuore fra le mani”.

Per inciso, QUESTA saresti, tu. La Mamma, quella splendida figura affettiva che fino a ieri (ieri?) riempiva completamente il loro cuore.

Ma torniamo a noi.

Dicevamo, le più fortunate sono quelle che hanno ancora i bambini alla scuola dell’infanzia.

Sì perché, complici le maestre (mica starete pensando che sia un’iniziativa del bambino, vero?). i bimbi più piccoli hanno predisposto un simpatico lavoretto che vi consegneranno all’uscita da scuola.

Che carini…

Sì, perché le insegnanti della scuola dell’infanzia ancora ci tengono a queste cose. Perché il lavoretto, poco conta se poi la mamma non sa dove metterlo e molto probabilmente lo ficcherà presto in cantina o sulla scrivania dell’ufficio, è un’ottima occasione per far lavorare i bambini, per farli appassionare alla costruzione di un oggetto speciale, per fargli manipolare materiali di recupero e sviluppare nuove abilità e stimolandone la creatività.

Per i suddetti bimbi voi siete il centro dei loro affetti, la madre onnipresente, l’oggetto d’amore per eccellenza. E per voi loro sono i vostri principi e le vostre principesse… Insomma, questo è l’amore nella sua forma più perfetta, più totale, più autentico.

Ah… L’anno prossimo quando avrò detto definitivamente addio alla mia esperienza di mamma di bimbi della scuola dell’infanzia questo momento mi mancherà. Potrò sperare al massimo in un bacetto sulla porta, prima dell’uscita del mattino. Ma per quest’anno mi godo ancora il mio momento. E attendo il lavoretto di San Valentino.

Ah, dimenticavo, normalmente il lavoretto ha ovviamente qualcosa a che fare con un cuore. Potrà essere un fermacarte, un portachiavi, un collage, un portapenne, un blocco appunti, una scatolina, insomma qualsiasi genere di oggetto, ma tassativamente a forma di cuore.

Il tuffo al cuore è assicurato, alla vista dell’oggettino. Voi e i vostri bimbi vi bacerete, coccolerete, direte parole romantiche… Ancora prima di arrivare a casa. Qui canterete insieme una canzoncina, giocherete a fare gli innamorati, mangerete i cioccolatini insieme.

Fino a quanto voi, mamme, esternerete completamente la vostra felicità per il fantastico oggettino ricevuto, esclamando: “Che bello, amore, l’hai fatto tu?”.

“No, l’ha fatto la maestra”.

 

 


2 risposte a "San Valentino ai tempi dei figli (piccoli)"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...