L’estate è la stagione adatta per un gioco che fa benissimo ai bambini intorno ai due anni d’età, ma che piace anche ai più grandi (e Dudi ne è la prova, perché ha ormai sei anni, ma si diverte un sacco a giocare a travasare acqua insieme ai fratelli, soprattutto quando fanno il bagno tutti insieme).

Soprattutto d’estate, magari sul balcone o in giardino, ma anche d’inverno nella vasca mentre fanno il bagno, i bambini impazziscono per i travasi d’acqua con contenitori di varie dimensioni.

Questo gioco stimola la manualità nei bambini, li aiuta ad affinare i propri movimenti e anche a destreggiarsi con concetti quali la misura e la precisione. Stimola, infine, anche la creatività perché il gioco si traduce, il più delle volte, in gioco simbolico dove i piccoli si improvvisano parrucchieri, pasticceri o ristoratori (e Paco, spessissimo, anche in pompiere, scambiando il gioco del travaso in gioco dell’inondazione del bagno…).

Cosa serve?

Procuratevi una bacinella, un set di bicchieri e contenitori di plastica e non dimenticate di aggiungere anche qualche vecchio flacone di shampoo o bagnoschiuma vuoto di diverse dimensioni. I miei bimbi prediligono, per mescolare e centrifugare meglio, anche dei cucchiai (Mah!).

I nostri bambini si concentreranno per ore a giocare con l’acqua, scoprendo la meraviglia dei fluidi e di come questi si adattano ai diversi contenitori.

Insomma, un gioco creativo, simpatico, istruttivo e a costo zero.

Tante volte le mamme e i papà si ingegnano e scervellano per trovare giochi o giacattoli sempre più all’avanguardia o insoliti, dimenticandosi che l’obiettivo del gioco, per il bambino, è quello di  sviluppare le proprie potenzialità intellettive, affettive e relazionali. E questo avviene anche con i giochi e giocattoli che all’apperenza sembrano semplici e quasi banali. Insomma, provare per credere!

Nota per i genitori: Mentre nei bambini i travasi d’acqua stimolano, come già detto, la manualità, la fantazia e la creatività, nei genitori possono stimolare sensazioni o emozioni molto contrastanti fra loro. Si può passare dalla sensazione di stupore nell’osservare la meraviglia negli occhi del proprio cucciolo alle prese con l’acqua, alla voglia sfrenata di stritolarlo per aver allagato completamente il bagno o il balcone, facendo grondare l’acqua giù in basso fino alla testa dell’inquilino del piano di sotto che già vi sta minacciando con la scopa alzata. Niente paura. Munitevi di stracci e sfoderate un bel sorriso. Anche questa passerà!

 

 

 

 

 

Annunci